D FEMMINILE……CHE SFIGA!…..PASTENA BELLO E FORTUNATO

  • in

Sabato pomeriggio andava in scena lo scontro al vertice tra l’Ischia e il Pastena. Squadre divise da un solo punto per effetto della vittoria delle salentine alla Scotti meno di un mese fa nel recupero della terza giornata di andata. In una palestra a dir poco indecorosa e della quale si parlerà dopo Ischia e Pastena scendevano in campo per giocarsi una fetta importante di questo Girone C. Alla fine ne esce vittorioso ancora una volta il Pastena al tie-break, dopo una lunga battaglia durata ben cinque set. Ischia in campo con la formazione tipo con Patalano in regia e Impagliazzo opposto, Mattera e Clara Gamba di banda, Ilaria Lombardi e Sara Trani coppia centrale e Pisani libero. Partono bene le ragazze di Simone Ferrandino con la battuta efficace di Trani che fa il vuoto. 12-3 per le ospiti e mister Cacace che non può fare altro che “bruciare” entrambi i time out. Le salentine sono squadra di classifica e si riportano sotto per la verità anche grazie a qualche errore di troppo delle ischitane, complice il sole accecante che entra dalle finestre della palestra e che impedisce prima a Mattera e poi a Pisani di ricevere al meglio. E’ Gallo a riportare sotto le padrone di casa che si avvicinano fino al 21-23. Ma una battuta in rete della palleggiatrice Baccano e un mani out di Impagliazzo chiudono il set 25-22. Secondo set sulla falsa riga del primo, ma stavolta l’Ischia “preme a tavoletta” e viene fuori finalmente il divario tecnico esistente tra le due squadre. 21-13 il parziale per Patalano & co con Gamba e Ilaria Lombardi a mettere giù le rigiocate tirate su da Pisani in difesa. Il set si chiude 25-16 proprio grazie ad un doppio recupero della palleggiatrice isolana e di Lombardi che “si immola” sotto rete costringendo il Pastena alla rigiocata errata in posto quattro. Terzo parziale che si avvia a diventare “cruciale” per l’intero match. Sul 4-1 per la squadra di casa, Impagliazzo attacca da opposto e ricade sul piede di Lombardi in copertura sotto rete. Brutta distorsione per l’atleta ischitana che è costretta a uscire dal campo “trasportata”. Entra Ferrandino al suo posto ma la squadra sbanda e perde il suo equilibrio. Il Pastena, fino a quel momento annichilito, riprende fiato e trascinata da Gallo mette a segno un parziale di 5-0 non recuperato fino alla fine del set che si chiude 25-20. A nulla vale neanche il cambio di campo e il Pastena è bravo e fortunato ad approfittare della difficoltà della squadra ospite. Ischia nervosa con davvero troppi errori in battuta e quarto set che si chiude 25-17 per la gioia dei sostenitori locali, a bordo campo (anche troppo vicini al campo!!). Come all’andata, anche questa gara va al tie-break e purtroppo ancora una volta è la squadra di mister Cacace ad avere la meglio. Sembra tutto finito sul 13-7 per la squadra di casa ma l’Ischia non ci sta e Clara Gamba in battuta riporta l’equilibrio sul 14-13. L’ultimo punto ha dell’incredibile perché su una rigiocata è Lombardi a farsi tradire dalla voglia matta di pareggiare i conti e a mettere in rete una palla “scottante”. Match sfortunato ma nulla da rimproverare alle atlete nostrane cha hanno dato tutto fino alla fine e hanno davvero dimostrato per lunghi tratti così come all’andata una netta superiorità rispetto alle avversarie.

Per dovere di cronaca, un osservazione finale va rivolta al Comitato Organizzatore, affinché mostri maggiore controllo per il rispetto dei requisiti PER L’OMOLOGA DEI CAMPI DI GIOCO. In particolare, prima dell’inizio della gara, il Dirigente Lucibello ha fatto presente all’Osservatore Arbitrale inviato sul campo l’assoluta mancanza del rispetto delle distanze previste per le zone laterali e di fondo campo prescritte dal Comitato Regionale Campania nella Guida Pratica ai Campionati Regionali Parte I per la stagione agonistica 2018/2019 aggiornata al 27.06.2018. Oltracciò, la zona laterale del campo, entrando a destra subito dopo la panchina di gioco era occupata da reti e pali posati a terra che intralciavano parte del campo mentre la zona di fondo nell’angolo sinistro era occupata da n. 3 canestri con rispettivi supporti di metallo e basi rettangolari a confine proprio con la linea ultima del campo di gioco. Le due panchine si trovavano all’interno della zona di rispetto laterale inferiore ai 3,00 metri previsti per l’omologazione. Questo non garantiva la sicurezza delle atlete in campo che rischiavano di farsi male in più di un occasione durante le fasi di gioco. Inoltre il pubblico di casa si disponeva lungo la linea di battuta in corrispondenza dell’ingresso facendo venire meno il requisito di libertà dell’area di battuta. Infine, lo spogliatoio era costituito da uno sgabuzzino dove erano presenti oggetti in metallo di ogni tipo, privo di illuminazione e di acqua. Questo costringeva le atlete ospiti a cambiarsi due per volta e ad andare via senza aver fatto la doccia. Il tutto veniva filmato sia dalla telecamera ospite che dalla stessa telecamera della squadra di casa disposte in controcampo una rispetto all’altra.

Prossimo appuntamento domenica 24 ancora in trasferta contro il Cicciano Volley Alfieri.

Risultato: 3-2 (22-25, 16-25, 25-20, 25-17, 15-13)

TODIS PASTENA

Pierro (C), Baccano, Ferrara, Gallo, Miglino A, Migliono C., Polverino, Prisco, Serban, Santaniello (L2), Donnamania (L1) All. Cacace All. 2a D’Orso Dirigente Santaniello

ASD ISCHIA PALLAVOLO

Patalano (C), Buono, Stornaiuolo, Lombardi, Trani, Scotto di Minico, Ferrandino, Gamba, Mattera, Ielasi, Impagliazzo, Schiani (L2), Pisani (L1) All. Ferrandino Dirigente Lucibello

Attachment

manifesto

×

pubblicita-dirweb

×